Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow Letteratura arrow Letteratura arrow Giornalista di periferia
Skip to content
Giornalista di periferia PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
martedý, 09 marzo 2010 10:50

ImageVerrà ufficialmente presentato domenica 14 marzo a Cassano allo Ionio (Cs), ore 17 presso il Teatro Comunale, il libro del giovane  reporter calabrese Pasquale Golia dal titolo  “ Giornalista di periferia”. Il volume edito da “Edizioni la rondine” di Catanzaro sarà in libreria e nelle migliori edicole in tutta Italia dal 15 marzo 2010. “In questi fogli è racchiuso un frammento di ciò che i miei occhi hanno visto, quello che le mie orecchie hanno sentito, quello che i miei articoli hanno raccontato di un giornalismo vecchia maniera”. E’ questo il senso del primo libro di Pasquale Golia, giovane giornalista per passione e non per mestiere, che in poche pagine ripercorre il suo breve ma entusiasmante viaggio nel mondo dell’informazione.

Sei le storie trattate nel volume, dallo scottante caso delle ferriti di zinco nella sibaritide,  ovvero dei veleni dell’ex pertusola sud di Crotone illegalmente seppelliti  dal 1995 al 1997 e mai smaltiti nei terreni della Piana di Sibari. Un caso raccontato anche grazie alle testimonianze di chi vive nel territorio ed  approfondito grazie anche ad estratti di un reportage della giornalista milanese Maddalena Oliva; Uno strano destino comune di “veleni” lega l’antica “Magna Grecia” del sud Italia. Crotone, Sibari, Policoro-Metaponto, un tempo città simbolo dell’antica civiltà greca sullo Jonio, oggi città a rischio inquinamento tossico. Se nella piana di Sibari l’occultamento di sostanze nocive è certezza matematica, qualche chilometro più in là sulla costa Jonica lucana restano i dubbi con le presunte scorie radioattive dell’Ex centrale nucleare dell’Itrec di Rotondella.

pasquale golia
Pasquale Golia
 

Nel libro si parte dalle scorie radioattive dell’ex Itrec e poi si scopre un  mercato di residui industriali nocivi e si arriva finanche a sospetti di presunti traffici di sostanze radioattive. Sullo sfondo la paura della gente ed i tanti interrogativi Calabria terra abbandonata così trova spazio nel volume di Pasquale Golia il racconto dell’inferno della Statale 106 Jonica. Testimonianze e dati che spiegano il perché la S.s. 106 Jonica è la strada più  “disastrata d’Italia”. Non è da meno la tratta ferroviaria  adiacente che corre da Reggio Calabria sino a Rocca Imperiale, ai confini con la Basilicata. Treni vecchi, scarsi investimenti e disservizi vari ne hanno fatto oramai un “ramo secco”. Pasquale Golia nel suo libro racconta tutto ciò  pone al centro della sua cronaca la storia di un viaggio a bordo di uno di questi treni “vergogna” da Crotone sino a Milano tra sporcizia, persone ammassate  come bestie  e vagoni  con  ogni  genere di disservizi.  Segni  del  degrado  di  una  “terra. Perché, in fin dei conti, la ricerca della verità che si annida nell’animo del giornalista di periferia “da sensazioni che traboccano, sensazioni che – scrive Golia - non ho saputo tacere …”


 

Una “terra disgraziata”, raccontati tutto d’un fiato ma con dovizia di particolari. Eppure il giovane reporter si cimenta anche con i fatti di ordinaria speranza, quali la venuta del nuovo vescovo e la voglia di riscatto palpitante tra i giovani. Un pezzo di mondo portato alla luce da chi si ostina ad indagare e far partecipare agli altri la realtà degli stretti vicoli dei paesi del Sud, nonostante i seri rischi e i pochi riconoscimenti.  Perché, in fin dei conti, la ricerca della verità che si annida nell’animo del giornalista di periferia “da sensazioni che traboccano, sensazioni che – scrive Golia - non ho saputo tacere …”

Il libro “Giornalista di periferia” contiene tra l’altro la prefazione di Maddalena Oliva, giovane giornalista milanese, studiosa di media e politica internazionale, già redattrice al mensile nazionale d’inchiesta “Diario” e  vincitrice nel 2009 per l’Italia del premio giornalistico europeo “Si alla diversità– No alle discriminazioni”. La conclusione è di Paolo Pollichieni, direttore del quotidiano regionale “Calabria Ora”; la postfazione di Geneviève Makaping, giornalista, scrittrice ed antropologa camerunense, attualmente caporedattore a Metrosat Tv, chiude il volume.

Il libro ”Giornalista di periferia” dopo Cassano allo Ionio sarà presentato anche in altre località della Calabria, tra le quali Cosenza, Catanzaro, Trebisacce ed altre. Per chiudere a metà maggio con la presentazione alla Fiera del Libro di Torino.

Inoltre dal 12 marzo sarà attivo anche il sito internet www.giornalistadiperiferia.it. Una sorta di diario di bordo nel quale verranno raccolti, con foto, articoli e recensioni, gli appunti di viaggio del tour del volume in giro per la Calabria. Inoltre dallo stesso sito sarà possibile ordinare online il volume direttamente dalla casa editrice “Edizioni la  rondine”.

L’ufficio Stampa

Cell. 333 1010998

0981 70361

< Precedente   Prossimo >