Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow l'Opinione arrow Calabria da Cancellare?
Skip to content
Calabria da Cancellare? PDF Stampa E-mail
Scritto da A.Cavallaro   
giovedý, 14 gennaio 2010 12:06
ImageDue giovani calabresi di Vibo Valentia sono stati aggrediti e picchiati brutalmente nella “civilissima” (si fa per dire) Pisa. I due ragazzi frequentano la facoltà d’ingegneria  in quella città e sabato scorso, insieme ad altri corregionali, stavano tornando a casa quando sul marciapiede incrociavano un altro gruppetto di giovani i quali, avendo riconosciuto dall’accento che si trattava di meridionali, hanno iniziato ad insultarli in modo pesante e volgare con frasi del tipo “terroni bastardi”, alla richiesta di spiegazioni da parte dei calabresi  è iniziato il pestaggio improvviso e particolarmente violento con calci, sputi, pugni.

L’indomani uno dei due ragazzi è stato costretto a ricorrere alle cure dei sanitari dell’ospedale Santa Chiara dove gli è stato riscontrato un trauma cranico con versamento nella regione orbitale destra e diverse microfratture, che lo hanno costretto al ricovero in ospedale per almeno trenta giorni. L’altro ragazzo ha accusato una ferita lacero-contusa al ginocchio, dopo la necessaria medicazione  è stato  dimesso ed  è prontamente rientrato a casa in Calabria.

Genitori e studenti, le università del sud non hanno nulla da invidiare a quelle del Nord, le centinaia di migliaia di studenti meridionali che vanno al nord per studiare generano l’impoverimento culturale della nostra terra e un fiume di danaro che scorre verso il settentrione, oltre quello che già si paga per comprare i prodotti  che giungono per la maggior parte da lassù. Se i calabresi al supermercato cercassero di comprare prioritariamente solo ciò che è prodotto al sud, sarebbe già una risposta importante allo strapotere economico di cui siamo vittime ogni giorno.

Di quest’atto di violenza gratuita sui due ragazzi calabresi non si è sentito parlare in nessun telegiornale, dei fatti di Rosarno si parla invece in tutto il mondo. Un nostro amico tedesco, che viene a Sibari per il mare ma è residente in Svezia, ci ha inviato un mail chiedendoci cosa fosse successo di vero a “Rossano” (da quelle parti i giornali locali hanno scritto Rossano e non Rosarno),  allarmato dalle notizie di presunte “battaglie urbane”. Dopo averlo tranquillizzato ho contattato altri amici in Canada, Argentina e Stati Uniti e anche lì la faccenda di Rosarno è stata presentata come una caccia al “nero”.

Su Radio Due ieri sera 13 gennaio, nel programma serale alle 21,00 intitolato "Decanter", uno dei conduttori ha detto la seguente frase: “E’ meglio mangiare un panino del Mc Donald che un’arancia di Rosarno”.  La Calabria già abbastanza vituperata ora è stata abbandonata anche al ludibrio delle genti di tutto il mondo.

Antonio Michele Cavallaro
< Precedente   Prossimo >