Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow l'Opinione arrow IL NORD IN CRISI PROFONDA
Skip to content
IL NORD IN CRISI PROFONDA PDF Stampa E-mail
Scritto da Pasqualazzo   
lunedý, 04 giugno 2007 13:07
Italia in crisi
Italia in Crisi
Si pensa sempre a Roma come alla causa di tutti i mali che affliggono il Nord-Italia, attribuendo nel contempo al Sud ed ai "Terroni" la paternità di tutto ciò che di negativo promani dall'ordinamento statale del Paese. Lo afferma l'uomo della strada: la storia è un pò diversa, giacché ad unificare territorialmente l'Italia fu il Piemonte sabaudo, alla cui corte si parlava quasi più francese che italiano. Come la vicina Francia, alla quale lo legava sotto molti aspetti il possesso della transalpina e francofona Savoia, il Piemonte era uno stato tendenzialmente accentratore, poco avvezzo a calarsi mentalmente nelle singole realtà locali del paese che esso andava unificando, senza per questo escludere che ci fosse un'amministrazione seria e funzionante.
 Molti tra i grandi del Risorgimento erano stati coscienti del problema: Garibaldi e Mazzini dovettero ricorrere all'esilio per noie anche gravi con il governo di Torino. D'altro canto il Piemonte (o, più esattamente, il Regno di Sardegna) era a quel tempo l'unico stato che potesse in qualche modo tentare l'impresa italiana. Fatta l'Italia, la capitale rimase per alcuni anni a Torino e lo Statuto Albertino, che era stato la carta costituzionale del Regno Sardo a partire da Carlo Alberto, estese i propri effetti sull'intera penisola sino alla caduta della monarchia in Italia nel giugno 1946. Dunque, nulla di "borbonico", come si suol dire, alla base. Vero è, piuttosto, che il meridione, privo di quelle esperienze che permisero alle regioni settentrionali del paese di iniziare un processo di industrializzazione, vide, a lungo andare, la propria gente guardare al posto sicuro che poteva venire dal settore pubblico come al miglior modo per risolvere i problemi quotidiani dell'occupazione. Ma la scarsa preparazione che quella gente aveva ereditato anche in materia amministrativa avrebbe reso preferibile che vi fosse stata una burocrazia più semplice e duttile di quella sabauda, spesso farraginosa e fiscale, della quale i funzionari meridionali, sempre più numerosi negli uffici pubblici del paese, divennero impreparati e spesso poco graditi
Povera Italia
Povera Italia
rappresentanti ed esecutori, facendo credere all'opinione pubblica poco curante della storia che i mali della legge italiana venissero esclusivamente da sud. Con il Secondo Dopoguerra le regioni del nord divenivano ben presto l'elemento trainante dell'economia del paese, condizionando di conseguenza con il proprio sistema di vita in rapida modernizzazione l'intero modo di essere degli Italiani, e ciò con risultati non sempre positivi. L'industrializzazione ed un ben'essere forse un pò gonfiato e repentino innescavano, durante e dopo gli anni del "Miracolo economico" un processo di appiattimento nella cultura e nella personalità del cittadino medio, sempre più massificato. Milano e dintorni si facevano rapidamente centro di irradiazione di nuove mode, di nuovi linguaggi, atti a ridurre in breve tempo le giovani generazioni specie nelle grandi realtà metropolitane a masnade di semianalfabeti facilmente indottrinabili dal primo "capo-branco" che ci sapesse fare. Nascevano così i grandi movimenti giovanili di massa, sia laici che ecclesiali: veri eserciti di inquadrati, che, con il loro populismo latinoamericano alternato ad un modernismo, tutto inglese e pacifismo in bluejeans, snobbavano come sorpassato tutto ciò che avesse troppo del nostrano, coinvolgendo rapidamente con la propria azione maree di coetanei in tutta Italia. Roso al proprio interno dai problemi di sempre che aumentavano il suo divario con il Nord, il Sud non era in grado di reagire e controbilanciare tutto ciò, mentre la sua gente emigrava in massa verso le grandi periferie industriali per finire inghiottita dalla cultura suburbana fatta di benessere materiale e disadattamento umano. Il centro, ricco di risorse economiche e culturali, era stato, malgrado tutto, indotto dagli eventi ad operare spesso in sordina. Tuttavia la sua minore permeabilità da parte della cultura consumista, dovuta alla salda consapevolezza del proprio passato, faceva sì che le regioni centrali italiane rimanessero lungo tutto il quarantennio del dopoguerra la parte più sana del paese e più ricca di speranze per esso. Questa è più o meno l'Italia dal "Miracolo" alla caduta del Muro di Berlino, fatalisticamente rassegnata alla logica di Jalta, e che i fatti dell''89 trovano avvolta in un torpore, che sembra essere l'ovvio seguito alla conclusione di un quarantennio di frustrazioni più o meno palesi. Il nord industriale seguita polemizzando sulla non competitività di tutto ciò che è italiano verso ciò che è straniero (occidentale) e non si rende conto di avere in se stesso la causa di quest'inferiorità. Si è visto cosa sono stati spesso i grandi complessi industriali di Piemonte, Liguria e Lombardia: carrozzoni macroscopici veri centri di potere fortemente monopolistici e burocratizzati al proprio interno, così simili a quella Roma statalista e burocratica che ora Umberto Bossi e la sua Lega hanno voluto deprecare quale unica colpevole, assieme ai Terroni, di tutti i mali dell'Italia padana. Ma che cosa facessero  i deputati settentrionali quando a Roma si deliberava ciò che ora Bossi ed i Suoi le venivano contestando nessuno osa chiederselo. Respiravano anch'essi l'aria dell'Urbe e ne assaporavano le poltrone, usufruendo come gli altri dei medesimi privilegi da tempi andati di cui avevano sempre goduto i benemeriti onorevoli della politica italiana. A tutti però secca vedersi specchiati con i propri difetti. è un pò la storia di quella bertuccia che, vistasi brutta allo specchio se la pigliò con esso e lo ruppe in mille pezzi, in ciascuno dei quali però essa continuò a vedersi per intero e brutta come prima. Cosi si fa nel Nord del Dopo-Jalta, contro Roma ed il vecchio sistema, ma nello sfaldare il quale affiorano moltiplicate le pecche che le inchieste giudiziarie, a partire da "Tangentopoli", hanno fatto continuamente emergere, a cominciare proprio da Milano per finire poi anche più in giù. E così, certa di trovare sempre qualche terrone da ergere a capro espiatorio sull'altare delle proprie frustrazioni, la Valle Padana assiste, tra l'attonita e l'inconsapevole, alla propria  agonia soprattutto spirituale.
< Precedente   Prossimo >