Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow Letteratura arrow Letteratura arrow Cronache reali e surreali
Skip to content
Cronache reali e surreali PDF Stampa E-mail
Scritto da administrator   
giovedý, 12 novembre 2009 12:30
ImageNell’ambito della serie di eventi letterari organizzati dall’Assessorato alla Cultura della Regione Molise che va sotto il nome “Eventi d’Autore – 20 incontri con gli Autori – Leggere il Molise” giovedí 19 novembre 2009, ore 18,45, sarà presentato a Campobasso, nel Palazzo del Governo (P.zza G. Pepe n. 24) il volume di Amerigo Iannacone “Cronache reali e surreali” (Ed. Eva, Venafro 2008, pp. 144, € 12,50). Si tratta di una raccolta di 42 racconti, scritti tra il 1992 e il 2008.

Interverranno, oltre all’autore, due illustri relatori: Aldo Cervo di Caiazzo - Caserta (scrittore, critico letterario) e Giuseppe Napolitano di Formia - Latina (poeta, critico letterario).

Nato e residente a Venafro, Amerigo Iannacone è scrittore noto, avendo al suo attivo la pubblicazione di una trentina di libri, tra narrativa, poesia, saggistica e traduzione.

Suoi libri e singoli testi sono stati tradotti in varie lingue. È fondatore e direttore del mensile letterario e di cultura varia Il Foglio volante, al suo ventitreesimo anno di vita. Ha collaborato a quotidiani, periodici e televisioni private. Tuttora collabora a diverse testate.Ha ottenuto due volte il Premio della Presidenza del Consiglio per la Critica Letteraria.Operatore culturale, è nell’organizzazione di numerose attività letterarie e presidente di giurie di premi letterari. Si occupa di editoria.

«Tutte reali le “Cronache” di Amerigo Iannacone, che amaramente ci portano in un mondo dove la speranza non è ancora smarrita e vigila per orientare l’esistere. – Ha scritto Rossella Fusco – Vengono da un tempo interiore, lontano ma non irraggiungibile a quanti armati di buoni sentimenti e ostinata volontà sentono l’urgenza dell’umano colloquio. Catturano e, come le ciliegie, una tira l’altra, dalla prima che lascia sospesi all’ultima che apre a un nuovo incipit».

< Precedente   Prossimo >