Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home arrow Arte arrow Vernissage al Museo Diocesano
Skip to content
Vernissage al Museo Diocesano PDF Stampa E-mail
Scritto da L.R.Alario   
martedý, 16 giugno 2009 05:31
prof.Alario
Prof.Alario dir.del Museo
Venerdì, 19 giugno, alle ore 17,30, nelle sale del Museo Diocesano, Mons. Padre Vincenzo Bertolone, Vescovo di Cassano, inaugurerà la Mostra della pittrice Marilena Rango “Guardare al mondo con occhi di donna”. Essa rientra nel progettato trittico di manifestazioni intitolato Arte è donna,  ideato dal prof. Leonardo Alario, direttore del Museo. Il secondo appuntamento sarà Musica è donna, e il terzo Poesia è donna. Fine delle manifestazioni programmate è quello di presentare della donna, andando oltre le solite stantie celebrazioni, le abilità creative, spesso tenute ai margini in favore di altre con notevole ridimensionamento del grande potenziale culturale, di cui la donna è dotata. Le manifestazioni s’inseriscono, comunque, nel più vasto e articolato programma di attività culturali, promosso dal direttore del Museo Diocesano, concordato con don Francesco Candia, presidente della Commissione per il Museo,  e voluto dal Vescovo, Mons. Padre Vincenzo Bertolone, nella convinzione che il Museo debba farsi anche strumento di educazione al bello e alla conoscenza della storia locale, e di promozione delle abilità di artisti meritevoli della dovuta, e non sempre prestata, attenzione.

Si comincia con l’artista cassanese Marilena Rango, la quale ha conseguito, con profitto, la laurea in Architettura in Napoli presso la Facoltà della Federico II, ove svolge la professione, coniugando gli impegni professionali con quelli di mamma e, parallelamente, la passione per la pittura. I primi contatti con quest’ultima avvengono nella propria casa: fin da piccolissima, infatti, osserva con estremo interesse la madre dipingere. Dopo poco tempo, con il crescere dell’attrazione e del desiderio di esprimere le proprie sensazioni attraverso questa forma d’arte, iniziano i primi tentativi di emularla. Con il passare degli anni affina la propria tecnica ed accresce la propria sensibilità ed il proprio bagaglio culturale artistico attraverso un intenso ed attento studio della storia dell’arte e delle tecniche pittoriche, visitando anche numerose mostre di pittura e sfruttando il primo anno di frequentazione alla facoltà di architettura di Firenze per avere contatto con tutti i più grandi autori del Rinascimento e del passato italiano.

san Francesco
Museo diocesano: San Francesco di Paola
In seguito gli studi proseguono a Napoli, ma anche qui, in una città sempre caratterizzata da un particolare fermento culturale artistico, con frequenti organizzazioni di mostre di rilievo internazionale, avvengono altri importanti contatti che la influenzeranno e le lasceranno profonde ispirazioni per il futuro. In particolare, tra i più importanti si citano Diego Rivera, Paul Gauguin, Pablo Picasso, Roy Lichtenstein e Caravaggio. Marilena Rango esegue una pittura realista e figurativa nella quale le sensazioni ed i sentimenti non vengono esternate mediante stravaganti pennellate o tecniche che tendono a stravolgere il contenuto dell’opera, bensì attraverso un attenta e studiata scelta dei soggetti e dei colori con cui essi vengono rappresentati. Sono loro che, essendo ritratti nel loro essere quotidiani - così come apparirebbero davanti ai nostri occhi - mediante un oggettività estetica e cromatica, donano con forza un messaggio sempre diverso. Allo stesso tempo, però, l’ispirazione di fondo che permea tutte le opere è unica, ovvero una visione della realtà a tratti allegra e gioiosa, a tratti leggermente più scolorita, ma sempre serena; una realtà concreta, nella quale, però, il male viene non viene contemplato, viene tenuto a distanza, lontano da questo mondo dell’arte del quale anche Dio si fa partecipe, come espresso da Giovanni Paolo II nella sua lettera agli artisti.                                                                                                              

Leonardo Alario                                                                                                             

Direttore del Museo Diocesano

< Precedente   Prossimo >