Skip to content

Sibari

Narrow screen resolution Wide screen resolution Increase font size Decrease font size Default font size    Default color brown color green color red color blue color
Advertisement
Vi Trovate: Home
Skip to content

Hanno firmato 365 persone il guestbook di Sibari.info
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25

NomeMessaggi
Luigi
Da Sibari
Inviato il: mer 11 lug 2007 19:15:36 CEST
Mi trovo fuori per lavoro, ma è con piacere che oggi ho trovato questo link dedicato a Sibari. 
Non esprimo alcun giudizio sulla qualità del sito, ma essere partiti merita già i miei complimenti. 
Un grosso in bocca al lupo e tanti saluti
Vincenzo ANTOLINOInviato il: mar 10 lug 2007 16:50:31 CEST
 
Vorrei proporre all'attenzione dei lettori di questo sito l'articolo apparso sul "Il Piccolo del Mezzogiorno" di Sabato 07.07.2007 dal Titolo."Il sogno Comune ora è più vicino" 
 
 
La nuova Provincia? . No, non l’archiviano così la questione, non così a viso aperto. Tuttavia…….. Coloro che abitano nella più famosa frazione della Calabria settentrionale una loro idea ce l’hanno sui primi obiettivi per cui lottare. In questa particolare lista la nuova Provincia regionale, appunto, non scompare affatto. Però, perde terreno : perché adesso prende sempre più piede una ben differente necessità locale. Un sogno che viene da lontano, come si dice in questi casi. Sibari, estate 2007. Ci sono i soliti guai che ribussano alle porte del sito erede dell’antica capitale magno – greca. C’è un turismo che potrebbe girare a mille ben oltre i soli mesi da giugno a settembre. C’è un nome millenario che è lì per divenire >. E poi c’è quella sognata sesta Provincia di Calabria, un progetto in grado di unire il territorio costiero con l’altro interno. C’è tutto questo, certo. Ma c’è pure di più. C’è una voglia autonomista almeno ventennale, se non più, che fa il doppio con la carenza di una propria coscienza sibarita moderna. Non si sopporta più la sudditanza cassanese. L’essere frazione sta stretto a chi ora cerca alleanze pesanti per spezzare una simile catena. Voltare pagina, allora: e subito. I tempi della scommessa – Provincia sono > per chi, intanto, preme per la propria libertà comunale. D’altro canto si ha la sensazione che per Sibari – Provincia si paghino troppe cambiali. Forse, invece, per Sibari – Comune……….. >. Vincenzo Antolino è il focoso presidente dell’Associazione Rinascita per Sibari Comune. Basta il nome della stessa Associazione per avere le idee chiare sugli obbiettivi del nostro. Cassano è sempre una realtà più estranea per chi, come Antolino appunto, comincia a tirare le somme. I conti non tornano: >. No. La goccia che fa traboccare il vaso è il progetto del cimitero da costruire per le periferie sibarite. Nel palazzo cassanese prima si promette e poi si dimentica. Un po’ di veleni sui giornali, qualche botta e risposta e basta. >. Meglio lanciare il proprio Sos verso altri lidi. Ci vuole uno sponsor eccellente per veleggiare verso il Comune che verrà. Quello sponsor tanto desiderato adesso ha un nome e un cognome. Nonché un discreto peso specifico sotto il profilo politico. E’ il consigliere regionale Maurizio Feraudo, leader calabrese dell’Italia dei Valori . E’ lui che mette nero su bianco una proposta di legge indirizzata al Consiglio regionale della Calabria. > : i cassanesi sono serviti. Dalla sua Acri Feraudo analizza la situazione attuale del circondario. Poi elenca finanche le contrade che dovranno far grande il futuro Comune. Il suo ragionamento fila. Fino alla richiesta finale, quasi naturale, relativa a un prossimo >. Chiaro, no? Approfondiamo la questione >. Questo il senso della proposta di Feraudo. Il resto appartiene all’articolato vero e proprio dell’input indirizzato ai colleghi del Consiglio regionale. A iniziare dalla mappatura del prossimo, eventuale Comune sibarita. Sarà il prodotto della >. Tutto delineato. Così per le spese da sostenere, che >. Non fa una grinza. Non sembra neppure la sola e classica boutade estiva. Ci sono i numeri per festeggiare l’esito felice della nuova battaglia. C’è lo sponsor importante cercato da sempre. Per la prima volta da anni, forse, a Cassano possono tremare……… ;)
annarosaInviato il: mer 04 lug 2007 03:35:14 CEST
salve! sono daccordo al 100% con alessandro e con quello che ha scritto (a proposito, complimenti per il blog, davvero bello e creativo, ce ne fossero a sibari ragazzi in gamba come te!). la politica da noi ha fatto da sempre il bello e il cattivo tempo, creando una cultura fra i suoi cittadini che distrugge ogni minimo valore di vita. e poi è vero, sono sempre di più le persone che parlano in un modo e fanno in un altro. 
però bisogna reagire prima o poi a questo stato di cose e l'unico modo è crederci! 
Spero che il sig. antolino (complimenti anche a lui per la sua battaglia) riesca, con l'aiuto di tutti, a centrare i suoi obiettivi e far diventare sibari di nuovo quella che era! il 7 luglio ci sarò anch'io!!!
LuigiInviato il: mar 03 lug 2007 15:30:17 CEST
Sono contento che il mio intervento abbia animato ancor di più questo guestbooK. Vedete il mio malessere non nasce oggi, ma è frutto di una serie di conseguenze che derivano tutte dal passato. Se quasi per un attimo pensiamo a cosa saremmo potuti essere in un futuro, a quante prospettive di sviluppo avremmo potuto avere, se solo si fossero sfruttate tutte le risorse che madre natura ci ha regalato, chissà di cosa avremmo discusso oggi. E' invece ci accorgiamo che le cose sono soltanto peggiorate, che la popolazione è stata decimata dall'emigrazione, che i giovani che vanno all'università poi non fanno più ritorno nel loro paese,che la maggior parte della gente che è rimasta conserva purtroppo risentimenti e rancori, ma anche tanta diffidenza nel nuovo e nel domani. Per tutta questa serie di motivi io credo che ognuno di noi debba fare la sua parte iniziando innanzitutto a formare i tanti giovani che si apprestano a fare il loro ingresso nella società, a far capire loro che se collaboriamo tutti insieme la situazione può migliorare. le possibilità di certo non mancano,quello che manca purtroppo è il coraggio e la voglia di fare. Solo cambiando mentalità riusciremo veramente ad ottenere quello che da anni, chi sta al di sopra di noi tenta di soffocare in tutti i modi.  
Un'ultima cosa vorrei dirla al signor Antolino. Vede non è che a cassano la gente è tutta contraria al suo movimento, il fatto è che in molti non hanno capito la vera natura dell'associazione da Lei presieduta,ed i fini che questa si pone. Quali possono essere i benefici e le conseguenze che ognuno ne trarrà ed in che modo la costituzione del nuovo comune porterebbe benefici all'intero territorio. oltre agli ostacoli burocratici Lei lo sa, ci sono anche e soprattutto quelli ideologici. il mio consiglio è quello di pubblicizzare di più la sua associazione ed il lavoroche fin qui è stato svolto, affinchè la gente cominci a masticare l'idea dell'autonomia senza farne un dramma. sò che è un lavoro difficile, avendo avuto delle simili esperienze, ma credo che con qualche sforzo in più e con il coinvolgimento di molti, i risultati arriveranno. Le auguro un buon lavoro e saluto tutti gli amici di questo forum. A presto
Vincenzo AntolinoInviato il: lun 02 lug 2007 14:50:36 CEST
Caro Luigi, 
sono proprio le tue considerazioni ed il malessere dei giovani che ci spingono con forza a chiedere l'Autonomia per Sibari.Vogliamo dare una speranza nel futuro, ai giovani, di poter vivere e lavorare nella loro terra. 
La speranza di vedere finalmente Sibari avere lo sviluppo che si merita e che ha nelle sue potenzialità. 
Non è una lotta di Campanile perchè se ci si riflette bene Sibari Comune può essere uno spiraglio di luce anche per Cassano. 
Per questo chiediamo anche alla gente semplice di Cassano,a cui ci legano vincoli di amicizia, che hanno i loro figli,mariti,fratelli,padri che lavorano a centinaia di Km dalle famiglie,li capisco ho vissuto il loro stesso dramma. 
A loro ci rivolgiamo perchè Sibari Comune potrebbe riportare i loro cari vicino a casa. :)
alessandroInviato il: lun 02 lug 2007 14:23:03 CEST
caro luigi, 
ho letto attentamente la tua nota. 
vedi, il disagio che hai, la possibilità di non poter realizzare i propri sogni ecc. sono cose che attanagliano parecchi giovani del nostro comprensorio. 
purtroppo abbiamo sempre avuto una classe dirigente politica da sempre parte integrante del sistema clientelistico. 
Quanti ragazzi negli anni passati hanno ricevuto la garanzia del posto fisso (?) dal polito di turno e nel frattempo passeggiavano la piazza? promesse ovviamente disattese... 
vedi, questo sistema del dare il voto in cambio di... è la cosa che maggiormente ha bloccato il meridione, perchè inconsciamente si crea nella persona l'idea che per raggiungere i propri obiettivi bisogna conoscere la persona giusta e poi aspettare alla finestra! purtroppo non è cosi! inoltre, di solito, nella nostra zona chi parla male di queste cose solitamente è il primo a comportarsi male, perchè il sistema politico-clientelistico affligge non solo i giovani, i lavoratori ecc. ma anche l'imprenditoria! 
anch'io negli anni ho ricevuto le mie delusioni, e credimi, non per causa mia, delusioni che avrei potuto pagar caramente! invece ho capito che bisogna reagire e costruirsi da solo quello che sogni di fare e se poi ti dovesse andar male, bhè, almeno sarai sereno perchè comunque ci hai provato e con le tue forze! 
attualmente dove lavoro ricopro l'incarico di rappresentante sindacale aziendale e ho capito, da questa mia nuova esperienza, che la rabbia (quella giusta) e la determinazione sono due fattori che ti fanno vincere le lotte! continua a crederci luigi e non restare ostaggio di questo malessere, solo cosi potrai sentirti sereno!
gestoreInviato il: lun 02 lug 2007 08:43:02 CEST
Risposta congiunta ad Alessandro e a Luigi. 
Il motivo per cui vi accomuno è perchè ambedue, da ragazzi sensibili e intelligenti, Alessandro lo conosco bene, (tra l'altro avevo intuito che eri tu) e Luigi sicuramente non è da meno, soffrite questo terribile disagio che si respira e che opprime un po' tutti. Forse gli anziani si sono adagiati supinamente sul solito tran-tran, ma i giovani non possono e non devono farlo. 
Caro Luigi tu mi dai del LEI, ma non è necessario, dammi pure del tu come faccio io con te, sappi che all'età di 21 anni anch'io sentivo terribilmente il disagio della staticità della nostra città, sono passati 40 anni e non è cambiato nulla. A Cassano, rispetto al 1965, sono aumentate solo le automobili, i motorini e i palazzi, brutti tra l'altro. Ciò che tu lamenti lo abbiamo sentito anche noi, con lo stesso disgusto e con lo stesso senso d'impotenza. Quelli della mia generazione sono andati quasi tutti via, molti non sono più tornati, io l'ho fatto con la speranza che qualcosa fosse cambiato, purtroppo non è così. Quando in un paese i ragazzi di oggi fanno le stesse osservazioni che si facevano 40 anni prima, vuol dire che il ricambio generazionale non c'è stato, che i soliti marpioni (o i loro diretti vassalli) hanno continuato a fare e a dire sempre le stesse cose, magari con un vestito più moderno o con parole diverse. Se tutto è statico non si possono addossare le colpe solo ai politici, ma anche al popolo che non ha mai avuto uno scatto d'orgoglio ed ha accettato sempre quei personaggi che gli venivano di volta in volta ammanniti. Naturalmente mi riferisco all'intera popolazione del Comune. Se a Sibari ora qualcuno sta muovendo le acque verso una direzione un po' diversa, questo è bene, non è importante che si riesca o no a diventare comune autonomo, importante è dare segnali forti, tanto forti che chi gestisce la cosa pubblica in questo momento non sa che pesci prendere e attua una posizione attendistica, tipica, del resto, della compagine politica di appartenenza. Non mi meraviglio caro Luigi. Importante è che le coscienze comincino a prendere atto che c'è qualcuno che non ci sta, lo afferma con vigore e, se mi permetti, anche con una buona dose di coraggio, esponendosi in prima persona. 
Luigi mi piaci, bravo, nel nostro comune abbiamo bisogno di giovani che esprimono le proprie idee e anche i propri dubbi e le proprie incertezze, che Dio ci salvi dai cosiddetti depositari delle VERITA' RIVELATE, nei secoli hanno provocato solo lutti e distruzioni. Un abbraccio
alessandroInviato il: lun 02 lug 2007 03:51:13 CEST
scusate se nel messaggio precedente c'è qualche errore ma sono le 4 e ho sonno! :grin
alessandroInviato il: lun 02 lug 2007 03:49:51 CEST
dopo quasi 4 mesi ho deciso di rivelare a tutti chi si nascondeva dietro il nickname "animamigrante". 
ho preso questa decisione per rispetto verso tutti coloro hanno interagito con me in questo lasso di tempo; verso coloro che sollecitavano che uscissi allo scoperto anche da questo guestbook, non era giusto che solo io restassi anonimo. 
spero nessuno si sia offeso se, pur conoscendolo bene, ho preferito non dire subito chi ero. 
comunque il blog continuerà a funzionare come sempre e sopratutto sarò disponibile verso tutti gli altri siti di sibari per qualsiasi cosa. 
LuigiInviato il: dom 01 lug 2007 16:16:04 CEST
Carissimo gestore, mi scuso con Lei se forse ho sbagliato ad esprimere il mio concetto. Lungi da me l' idea di dare giudizi personali sull'operato della gente seria, onesta e per bene che da anni lavora attivamente sul territorio e che per quanto mi riguarda è un bene prezioso di questa nostra comunità. La mia critica bensì era rivolta a quelle persone che si mascherano da paladini della giustizia e poi alla fine fanno solo i loro interessi. Inoltre volevo esprimere a nome di molti giovani un malessere noto nel nostro territorio e cioè quello di vedere infranti tanti sogni e tante speranze. Vede tutti si aspettano il meglio sia per se stessi che per gli altri e proprio per questo motivo che quando viene a mancare la speranza nel futuro, la speranza di poter vivere e lavorare nella nostra città, la speranza di partecipare attivamente alle politiche della nostra città, la speranza di vedere finalmente lo sviluppo di Sibari e non solo, viene a mancare anche la fiducia in tutto ciò che, anche di positivo, ci può essere. Ricordo che la stessa Cassano soffre di questi problemi. La collina del monte un tempo fiorente e ridente ,per usare una metafora, è ormai frutto dell'incuria e dell'abbandono. Per questi ed altri motivi il nostro scetticismo sulla possibilità di vedere sibari comune è più forte e non per questioni di carattere personale o clientelare. Forse mi sbaglierò, forse l'idea di sibari comune è una buona idea, ma quando tutto tace e nessuno riesce a capire a cosa stiamo andando incontro mi preoccupo un pò. Un' ultima considerazione, mi permetta vorrei farla sull'amministrazione comunale che non ha speso una parola che sia una sul'autonomia e che dal suo insediamento ha prodotto in particolar modo per la marina di sibari più danno che bene. possibile che nessuno riesce a capire il malessere sociale che ci attanaglia. O di questo malessere soffro solo io???? Spero di essere stato più chiaro rispetto all'ultimo messaggio. Auguro a Lei ed al resto della redazione un buon lavoro.  
 
Aug
gestoreInviato il: sab 30 giu 2007 16:11:12 CEST
Caro Luigi, ti ringrazio per aver lasciato il tuo parere che apprezzo e rispetto. Sono d'accordo con te quando dici che a Sibari, parecchie persone hanno giocato e continuano a giocare sporco compreso il personaggio cui alludi e che ho inquadrato perfettamente; quando affermo che i vari sindaci che si sono succeduti hanno promesso mare e monti per lo sviluppo dell'INTERO territorio, lo hanno sempre fatto puntando a Sibari come fulcro e volano di questa crescita economica e sociale. Purtroppo così non è stato ed è chiaro che tutti (quando dico tutti mi riferisco all'intero territorio comunale)ne hanno avuto nocumento. Immagina caro Luigi se invece questo sviluppo fosse avvenuto; nessuno avrebbe qualcosa da ridire, i Sibariti sarebbero i primi ad esserne contenti, purtroppo così non è stato. Non sto ad indagare i perchè ed i percome, io constato soltanto la situazione attuale che è di stallo totale. L'on. Feraudo è chiaro che ha cavalcato questo problema, behto !! cosa c'è di male? Non ci vedo niente di strano. Fa il politico, questo è il suo mestiere recepire ed accogliere i disagi dei probabili elettori. Luigi, i politici di Cassano hanno fatto qualcosa di diverso? Hanno cavalcato sempre le necessità della gente per accaparrarsi voti. Ma non sono da colpevolizzare, la politica è fatta di queste cose. Il problema nasce semmai dopo, quando una volta eletti se ne infischiano altamente. 
Io che ho vissuto per molti anni a Cassano e che ora ho scelto Sibari perchè mi da maggiori opportunità di lavoro, sento come molti altri sibariti che è necessario essere indipendenti perchè le esigenze di questo territorio sono diverse e non comprese da chi amministra o ha amministrato Cassano. I riferimenti a Corigliano, Rossano ecc. non fanno testo perchè ti faccio osservare che da Corigliano paese allo scalo non c'è differenza alcuna, stessa cosa per Rossano. Tra Sibari e Cassano ci sono 15 kilometri di troppo e un'atavica diffidenza della gente che vive sulla collina nei confronti di Sibari piena di zanzare. Sai Luigi quanti "amici" mi hanno detto: "Cosa ci fai in mezzo a quelle zanzare ed ai pantani?" Caro Luigi ci lavoro a Sibari e ci faccio lavorare pure qualche cassanese che scende la mattina e ritorna la sera contento di poter lavorare. Il problema io non lo vedo in chiave politica lo vedo sul piano pratico, ma a Cassano si è abituati da secoli ad aspettare che scenda la manna dal Marchese, dal Vescovo, o dal politicante di turno. Se il mio modo di vedere non è condiviso, mi spiace, ma ciò non significa che io non rispetti il pensiero degli altri. Il fatto che gente seria come te abbia sentito la necessità di esporre il proprio pensiero significa che comunque qualcosa da cambiare c'è per il bene di tutti. 
Ciao e grazie ancora.
LuigiInviato il: sab 30 giu 2007 12:26:46 CEST
Caro gestore, mi meraviglio di lei, quando fa determinate affermazioni, quasi ad indicare che gli unici responsabili della situazione di sibari siano e restino i cassanesi che come voi vivono una situazione di disagio. I Frasca, i Bloise, gli aloise gli avete voluti anche voi e non venite a dirmi che se questi hanno comandato è solo colpa nostra. Perchè non vi siete impegnati prima, magari entrando a far parte delle varie amministrazioni comunali che nel corso degli anni si sono susseguite? perchè quando ne avete avuto la possibilità no ne avete approfittato. A sibari c'è un importante esponente di forza italia ( e sai a chi alludo) che ha sfruttato la situazione e non ha mai fatto nulla per voi sibariti. Vedie che la gente che fa i propri interessi c'è anche li da voi e non solo a cassano? Noi come voi siamo solo le vittime. E come voi non vogliamo morire assistendo all'immobilismo più totale. In un tempo dove altre realtà locali ci mostrano la via da seguire, e mi riferisco a corigliano e a rossano non dovremmo dividerci, ma unirci ancor di più. Ma constato con i miei occhi che la strada più difficile viene sempre abbandonata da tutti. A pagarne le conseguenze siamo solo noi giovani che per colpa dell'incapacità, dell'avidità, del potere siamo ostaggio di questa situazione. Continuiamo così, continuiamo a farci male. Presto vi accorgerete che l'On. feraudo è uno dei tanti che sta approfittando della situazione solo per accaparrarsi qualche voto consapevole del fatto che il progetto di legge verrà bloccato dalla giunta regionale.
Vincenzo ANTOLINOInviato il: gio 28 giu 2007 10:21:55 CEST
Vorrei proporre ai lettori di questo Sito una curiosità storica sul Cimitero a SIBARI meditiamo: 
 
Mezzo secolo esatto! Era il  
24 settembre 1957 quando l’On. Buffone, eletto alla Camera dei Deputati nella II Legislatura, nell’ambito di una discussione parlamentare chiedeva all’On Togni, Ministro dei Lavori Pubblici dell’epoca, presente in Aula per conto del Governo, se riteneva di “poter esaminare la possibilità di disporre affinché, possibilmente entro l’esercizio finanziario 1957-58, le frazioni Sibari e Doria, distanti dal capoluogo Cassano Allo Jonio, abbiano il loro cimitero, onde evitare alle popolazioni interessate il disagio che comporta la distanza ”.  
 
Questa la risposta del Ministro. “Il comune di Cassano Allo Jonio non ha finora presentato alcuna richiesta circa la costruzione di un cimitero per le frazioni Sibari e Doria. Ove detto Ente dovesse presentare al competente ufficio del Genio Civile, a termini dell’articolo 1 della legge 15 febbraio 1953 n. 184, un’istanza tendente ad ottenere il contributo dello Stato, di cui alla legge 3 agosto 1949 n. 549, questo Ministero non mancherebbe di esaminare la possibilità ammettere la necessaria spesa ai benefici della citata legge n. 589”. 
 
Il cimitero, una necessità che continua ad essere disattesa. 
 
(Rif. Atto Parlamentari della Camera dei deputati n. 27342 – Legislatura II, Discussioni, seduta del 24 settembre 1957) 
 
;)
ASSOCIAZIONE RINASCI
Redazione sibariautoInviato il: sab 23 giu 2007 11:17:55 CEST
SI COMUNICA  
CHE MARTEDI’ 26 GIUGNO 2007 ORE 19,00 
PRESSO LA DELEGAZIONE MUNICIPALE DI SIBARI SI TERRA’:  
LA CONFERENZA STAMPA  
SUL PDL REGIONALE ISTITUZIONE DEL COMUNE DI SIBARI"  
INTERVERANNO:  
ON. MAURIZIO FERAUDO CAPOGRUPPO REGIONALE ( IDV) 
 
IL COORDINAMENTO DELL’ASSOCIAZIONE “ RINASCITA PER SIBARI COMUNE”. 
 
SIBARI,23.06.2007  
IL PRESIDENTE V. ANTOLINO 
 
LA CITTADINANZA E' INVITATA A PARTECIPARE  
domenicoInviato il: sab 23 giu 2007 08:56:39 CEST
Quel che dice Pietro è giusto, penso che però bisogna imaparare a usare il mezzo elettronico con educazione.
Sibari.info